1. Medicina e Ricerca

    Cirrosi epatica: la ricerca italiana apripista mondiale della cura con albumina

    di Ernesto Diffidenti

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Secondo lo studio indipendente Answer finanziato dall'Aifa si riducono tutte le complicanze e il rischio di mortalità a 18 mesi del 38% . Caraceni (Università di Bologna): presto raccomandazioni e linee guida per un'applicazione omogenea su tutto il territorio. Medica (Emoderivati Farmindustria): l'analisi costo-efficacia dello studio fa emergere come appropriata la cura con albumina

    Aggiungi ai Preferiti
  2. — Analisi

    di Fabiana Letizia Cecere *, Elena Roma **

    Medicina e Ricerca

    Oncologia, tra le sfide la presa in carico della famiglia del malato oncologico

    di Fabiana Letizia Cecere *, Elena Roma **

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    È fondamentale favorire la creazione di un circuito calibrato su paziente e famiglia, che rappresenti una vera e propria bussola di orientamento rispetto alla preponderanza di notizie talvolta incomplete, se non addirittura errate o false, cui si può incorrere nel "mare magnum" di una informazione in realtà assai poco "informata"

    Aggiungi ai Preferiti
  3. Generici e biosimilari, i produttori lanciano l'allarme sostenibilità. I dati di mercato IQVIA
    Imprese e Mercato

    Generici e biosimilari, i produttori lanciano l'allarme sostenibilità. I dati di mercato IQVIA

    di B. Gob.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Alla Conferenza annuale dei produttori mondiali di generici e biosimilari di Varsavia focus sui trend di crescita - in rallentamento - del mercato e sulla necessità di coniugare accesso ai farmaci e sostenibilità. Michele Uda (Assogenerici): «Nuove politiche di approvvigionamento in grado di coniugare accesso, sostenibilità dei sistemi sanitari e sostenibilità industriale». I dati IQVIA

    Aggiungi ai Preferiti
  4. Dal Governo

    Patto per la salute: perché la "clausola di salvaguardia" economica tagliafondi non va

    di Tonino Aceti

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    La Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il principio del pareggio di bilancio: il Ssn non può diventare strumento per garantire l'equilibrio di finanza pubblica, anziché tutelare la salute della collettività

    Aggiungi ai Preferiti
  5. Imprese e Mercato

    Rapporto Rbm-Censis: un italiano su tre è costretto a pagare la sanità di tasca propria

    di Ernesto Diffidenti

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Secondo Marco Vecchietti, amministratore delegato di Rbm Assicurazione Salute, sono 19,6 milioni "i forzati della sanità a pagamento", dei quali circa il 50% appartiene alle categorie sociali più fragili. Occorre "raddoppiare il diritto alla salute degli italiani istituzionalizzando la sanità integrativa da affiancare come secondo pilastro al Ssn"

    Aggiungi ai Preferiti
  6. Dal Governo

    Raccolta sangue, tornano a cresce i donatori ma l'età media è troppo avanzata

    di Ernesto Diffidenti

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    I dati presentati al ministero della Salute in vista della Giornata mondiale del donatore di sangue che l'Oms celebra il 14 giugno. Presentato anche il nuovo portale www.donailsangue.sanita.gov.it. In calo la raccolta per aferesi. Liumbruno (Centro nazionale sangue): mancano i medici

    Aggiungi ai Preferiti
  7. Aziende e Regioni

    4° Rapporto Gimbe/ Per una sanità da Paese G7 il fabbisogno 2025 cresca a 230 miliardi. Cartabellotta: «Serve il committment di politici e cittadini»

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Secondo le stime del Rapporto Gimbe per riallineare il Ssn a standard degli altri paesi europei e offrire ai cittadini italiani un servizio sanitario di qualità, equo e universalistico sarà necessaria nel 2025 una spesa sanitaria di € 230 miliardi. Focus su Lea, sprechi e inefficienze, secondo pilastro e e "value for money". L'executive summary

    Aggiungi ai Preferiti
  8. Ricerca, sì del Consiglio dei ministri al contratto per ricercatori Irccs e Izs. Giulia Grillo: «Traguardo storico»
    Dal Governo

    Ricerca, sì del Consiglio dei ministri al contratto per ricercatori Irccs e Izs. Giulia Grillo: «Traguardo storico»

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    I ricercatori del Servizio sanitari nazionale saranno assunti con un contratto a tempo determinato per cinque anni, prorogabili per ulteriori cinque. Al termine del secondo quinquennio è previsto l’ingresso nei ruoli del Ssn. In attuazione della “piramide del ricercatore”, il contratto disciplina i due differenti profili del ricercatore e del personale addetto alla ricerca

    Aggiungi ai Preferiti