Dal Governo

Ricerca, 15 milioni ai progetti scienze della vita nel bando Prin 2012

Sono 141 i Progetti di ricerca di interesse nazionale approvati dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca a conclusione delle procedure del bando Prin 2012. Di questi 44, il 31,2% del totale, sono stati presentati dai ricercatori più giovani. Ai progetti che hanno superato la selezione saranno assegnati i 38.259.894 euro previsti dal bando.
Due i livelli della valutazione. Le università hanno preselezionato entro il 10 maggio 2013 le proposte meritevoli di sviluppo e le hanno inviate al Miur. A giugno sono arrivati al Ministero 1.309 progetti: 487 per il settore Ls (Scienze della vita), 498 per il settore Pe (Fisica, Chimica, Ingegneria), 324 per il settore Sh (Scienze umane). La valutazione scientifica dei progetti (basata su criteri relativi all'originalità delle proposte, alla qualificazione del team di ricerca ed all'impatto scientifico, sociale ed economico) è stata effettuata secondo la prassi della "peer review" (revisione tra pari), ed è stata affidata ad esperti scientifici internazionali, coordinati da appositi Comitati di Selezione costituiti dai migliori esperti di settore italiani e stranieri.
Con decreto del 18 ottobre è stata formalizzata l'assegnazione di 38.259.894 euro a favore di 141 progetti: 15.303.958 euro per il settore delle Scienze della vita (46 progetti), 15.303.958 euro per il settore delle Scienze relative a Fisica, Chimica e Ingegneria (65 progetti), 7.651.978 euro per le Scienze umane (30 progetti).
Il 31,2% dei progetti approvati, sono stati presentati dai ricercatori più giovani: 14 per le Scienze della vita, 18 per le Scienze relative a Fisica, Chimica e Ingegneria, e 12 per le Scienze umane, con un'assegnazione finanziaria complessiva di 8.750.000 euro. Entro la fine dell'anno il Miur erogherà i finanziamenti assegnati. I progetti, della durata complessiva di tre anni, potranno avere concreto avvio già all'inizio del 2014.