Dal governo

Lorenzin: «Farmaci senza prescrizione on line dal primo luglio. Sull'eutanasia deciderà il Parlamento»

«La direttiva europea recepita in Italia nel 2014 prevede la facoltà per le farmacie di vendere online i medicinali senza obbligo di prescrizione, resta
tuttavia vietata la vendita online di farmaci con obbligo di prescrizione medica. La vendita online potrà essere effettuata a partire dal primo luglio 2015». Lo ha sottolineato la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, nel corso del question time alla Camera.

«È inoltre previsto - ha ricordato Lorenzin - un sistema nazionale antifalsificazione dei medicinali gestito dall'Agenzia italiana del farmaco, per evitare ogni rischio di contraffazione nella vendita online. Il decreto prevede anche sanzioni personali e patrimoniali per i titolari di farmacia che mettono in vendita a distanza farmaci soggetti a prescrizione medica».

In tema di eutanasia Lorenzin si rimette al Parlamento. Rispondendo al question time alla Camera, la ministra ha infatti sottolineato che la «complessità e la delicatezza della materia del fine vita mi inducono a ritenere senza alcuna riserva che la tematica sia di esclusiva prerogativa parlamentare». Per questo «necessita di un approfondito confronto e dibattito in Parlamento», quindi «mi rimetto alle valutazioni del Parlamento».

Rispondendo a un'interrogazione parlamentare Lorenzin ha sottolineato che il ministero della Salute «svolge un continuo monitoraggio e coordinamento per garantire l'attuazione della legge per l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore, che sono rivolte alla rimozione di quegli ostacoli, primo fra tutti il dolore, che impediscono la piena realizzazione della persona, fino al confine ultimo della vita».

Lorenzin ha infine ricordato che nell'aggiornamento dei Lea, Livelli essenziali di assistenza, ora al vaglio delle Regioni, è prevista l'assistenza ai malati in fase terminale con prestazioni specialistiche, prestazioni sociali e di sostegno spirituale.