Sentenze

Duello Groupon-Fnom, dopo la sentenza del Tar Lazio che dimezza la sanzione Chersevani annuncia ricorso al Consiglio di Stato

«La Fnomceo, anche successivamente alla sentenza del Tar Lazio che ha dimezzato la sanzione economica irrogata dall'Antitrust che ha individuato nelle norme del Codice di deontologia medica 2006 - e parzialmente anche in quello del 2014 - un'intesa restrittiva della concorrenza, intende continuare il suo percorso di coerente difesa dei principi deontologici in materia».
Così la neo presidente della Fnomceo Roberta Chersevani commenta la Sentenza del Tar Lazio che, pronunciandosi sul ricorso della Fnomceo contro la sanzione comminata dall'Antitrust, ha dimezzato la sanzione economica da 800.000 euro. «Riteniamo che tali principi siano in linea con la normativa nazionale ed europea in materia, non configurandosi né nello spirito né nella lettera come restrittivi della libertà di concorrenza.
Ricordiamo che nel Codice del 2014, contestato dall'Antitrust, sono state oggetto di rilievo "aggettivazioni" relative alla pubblicità assolutamente riconducibili e non in contrasto con il susseguirsi delle normative degli ultimi anni. La vera questione che abbiamo a cuore – che la sentenza del Tar ha lasciato in ombra – è il profilo giuridico del Codice di Deontologia medica che non è un atto regolamentare interno ad un'associazione di imprese, non potendosi ridurre il ruolo della Federazione nazionale e degli Ordini Provinciali dei medici e degli odontoiatri a mera impresa o ad associazioni di imprese, laddove è ormai consolidata la qualificazione di questi come Pubbliche amministrazioni, che svolgono funzioni in conto e per conto della Stato nella tutela di interessi pubblici.
In particolare, la contestazione riguardo al divieto di pubblicità comparativa non ha tenuto conto dei limiti che, secondo una autorevole letteratura scientifica internazionale, rendono inaffidabili senza precisi indicatori la comparazione delle prestazioni mediche e odontoiatriche, portando al paradosso il rispetto dei requisiti di non denigratoria ed ingannevole pubblicità previsti dalla normativa.
Proporrò d'urgenza al Comitato Centrale - aggiunge Chersevani - il ricorso al Consiglio di Stato, non solo a difesa dei legittimi interessi della Fnomceo e degli Ordini provinciali dei medici e degli odontoiatri, ma nel rispetto di quelle funzioni ad essi attribuiti di tutela degli interessi generali dei cittadini. Lo faremo ponendo ai massimi livelli di giudizio il senso e il significato vero di tali questioni».