Lavoro e professione

Test medicina: la carica dei 6mila ricorsi

Saranno oltre 6 mila i giovani medici aspiranti specializzandi che potranno ricorrere per richiedere l'ingresso in sovrannumero in seguito al caos dei test di ammissione alle scuole di specializzazione in medicina. Il maxi ricorso al Tar del Lazio per l'ingresso sovrannumerario sarà patrocinato dagli avvocati Michele Bonetti e Santi Delia, in collaborazione con la Fp
Cgil Medici.

Il termine ultimo per l'adesione al ricorso è fissato per il 24 novembre, data di spedizione della raccomandata con ricevuta di andata e ritorno dello studio dell'avvocato Michele Bonetti.
«Tutte le irregolarità già riscontrate - hanno annunciato gli avvocati
dello studio legale Bonetti e Delia - saranno inoltre raccolte in un
esposto penale che sarà consegnato alla Procura della Repubblica di
Roma nei prossimi giorni. Per ulteriori segnalazioni di anomalie e
irregolarità - proseguono i legali - è stato aperto uno sportello gratuito online ( segnalazioni.specializzazioni@gmail.com ) e sono state programmate una serie di riunioni aperte e senza impegno per i
ricorrenti su tutto il territorio nazionale, a partire da quella del 13 novembre a Roma, con ulteriori incontri a Bologna e Messina».