Aziende e Regioni

«Cardarelli a rischio collasso per i tagli al personale»: lettera del manager Rocco Granata a Caldoro, Morlacco, prefetto e Consiglio dei ministri

Allarme delle direzione generale del Cardarelli: c'è una gravissima carenza di personale, in 3 anni è diminuito di circa 850 unità, oltre il 25%, e l'attività stessa dei reparti è a rischio chiusura.
La nota a firma del manager Rocco Granata è stata inviata al presidente della Regione e commissario ad acta alla Sanità, Stefano Caldoro, al subcommissario, Mario Morlacco, al Consiglio dei ministri e al Prefetto, Francesco Antonio Musolino.

«Non è la prima volta - si legge nella lettera - che la direzione assume simili iniziative. Si chiedeva, oltre sei mesi fa, che venisse definito il ruolo del Cardarelli nella Sanità campana dei prossimi anni, che si conoscesse il destino riservato al Cardarelli, si invocava aiuto perchè il Cardarelli non morisse. Sono seguite promesse ed annunciati interventi. Nulla è cambiato. La proposta di assumere personale - si legge ancora - convertendo il costo per straordinari in nuove risorse umane avanzata già nel marzo del 2012 è rimasta lettera morta. Lo sblocco del turn over, consentito dalla Legge Brunetta, ha riservato al Cardarelli solo 35 unità a fronte di centinaia di vacanze. Eppure, il Cardarelli è ora un'azienda sana, nonostante la cospicua riduzione dei finanziamenti ha praticamente azzerato le perdite di gestione ereditate dal precedente management che solo nel 2009 ammontavano a oltre 80 milioni e ha ampliato la propria offerta sanitaria: dall'emodinamica h24 alla nuova avveniristica rianimazione, al nuovissimo reparto di Osservazione breve intensiva. Il Cardarelli ha già posto in essere ogni e pur pesante azione di riorganizzazione possibile stabilita dal Piano di rientro e dai Piani Operativi per recuperare efficienza ed economicità. Nulla più si può chiedere sul piano del risparmio».
Stando ai numeri della direzione, l'ospedale in 3 anni ha perso circa 850 dipendenti, oltre il 25% dell'organico. «La direzione - scrive Granata - non ha chiesto ulteriori finanziamenti ma personale. Questa è prima di tutto una battaglia di civiltà per il personale del Cardarelli, che è sottoposto a turni massacranti e usuranti, e per la collettività che fiduciosa si affida alle cure di questo Ospedale ma ignora quanto sia vicino il collasso. La collettività e il personale del Cardarelli restano in attesa di risposta».