Aziende e Regioni

Comitati etici: il Lazio li riduce da 34 a sette

La Giunta regionale del Lazio vara la rivoluzione dei Comitati etici, «strutture poco conosciute del sistema sanitario regionale, ma che giocano un ruolo essenziale e strategico a tutela dei cittadini». È quanto si legge in una nota.

I Comitati etici infatti sono quegli organismi che autorizzano la sperimentazione clinica di nuovi farmaci. La cosiddetta terza fase in cui si verifica la validità finale del nuovo prodotto. Se non ha il via libera del comitato etico il farmaco viene bloccato.

Attualmente la rete era disarticolata in 34 strutture, una per ogni Asl, grandi ospedali pubblici e privati, Fondazioni, Ircss, Policlinici universitari, il Bambino gesù e altri ospedali classificati.

Una «giungla - si legge nella nota - dove spesso vigevano sistemi di valutazione e regole di funzionamento anche molto diverse e dove venivano applicate tariffe differenti a carico delle aziende produttrici. Con la delibera approvata dalla giunta regionale cambia tutto e si attua una profonda riorganizzazione che ne lascia attivi solo 6 più uno specifico per tutti gli Irccs».

Con questo atto, spiega il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, «la Regione Lazio é la prima in italia a rendere operativa la riforma contenuta nel decreto ministeriale pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 96 dello scorso 24 aprile (VEDI SU QUESTO SITO) , decidendo di agire subito per immettere in questo sensibilissimo segmento del sistema sanitario trasparenza e regole di funzionamento certe e uguali per tutti».

In base alla riforma 4 singoli comitati etici saranno presenti al Gemelli, all'Umberto I, al Policlinico Tor Vergata, al Campus biomedico. Il comitato 5 (Lazio 1) che avrà sede al San Camillo, invece raggrupperà quelli delle Asl A, E, F, G, Rieti, Viterbo, S.Camillo Forlanini, San Filippo Neri, Fatebenefratelli dell'Isola Tiberina e Villa San Pietro. Nel comitato etico 6, (Lazio 2) con sede nella Asl RMC, confluiranno le strutture delle Asl B, C, D, H, Frosinone, Latina, Ospedale San Giovanni, Israelitico, Regina Apostulorum di Albano e il comitato etico dell'Associazione cavalieri di Malta. Il settimo invece,sarà quello degli Ircss e vi confluiranno l'Ifo, Fondazione Bietti, Spallanzani, Bambino Gesù, San Raffaele la Pisana, Idi. La sede sarà presso l'Ifo regina elena.