Aziende e regioni

Progetto NienteMale Roma: il paracetamolo è l'antidolorifico più utilizzato

Contro il dolore, il paracetamolo risulta essere il farmaco più usato, seguito da ibuprofene, diclofenac e nimesulide: sono alcuni dei risultati emersi dalla survey sottoposta nel periodo 31 marzo-6 aprile 2014 a circa 1.000 persone che hanno avuto accesso a farmaci antalgici in 100 farmacie di Roma.

La ricerca è stata condotta nell'ambito di NienteMale Roma, progetto promosso dall'Ordine dei Farmacisti della Provincia di Roma, Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti e Federfarma Roma, con il patrocinio del Ministero della Salute. I risultati sono stati presentati a Roma in occasione di un evento di formazione ai farmacisti svolto con il contributo incondizionato di Angelini.

«Il 74% degli intervistati ha più di 50 anni e nel 59% dei casi - spiega Antonino Annetta, specialista in Farmacologia applicata presso l'Università La Sapienza di Roma e vicepresidente Federfarma Roma - soffre di dolore di tipo saltuario, contro un 41% che invece è affetto da un dolore cronico. Tra i farmaci utilizzati, figura al primo posto il paracetamolo, indicato dal 27% delle persone, seguito da ibuprofene (24%), diclofenac (13%) e nimesulide (10%). Il 40% degli intervistati dichiara di curarsi facendo ricorso a farmaci da automedicazione (Sop e Otc), il 20% ricorre al consiglio del farmacista, gli altri si rivolgono al medico di medicina generale (20%) e allo specialista (20%). Il 63% degli intervistati, infine, afferma di misurare il proprio dolore».

La Legge n.38 del 2010, si legge nella nota di NienteMale Roma, ha rappresentato «un passo decisivo nella definizione e sviluppo della rete assistenziale sia per le cure palliative sia per la terapia del dolore, e offre la possibilità di un nuovo approccio culturale al tema della lotta al dolore. In quest'ottica l'evento NienteMale Roma ha offerto strumenti d approcci metodologici che consentano di migliorare l'efficacia e l'appropriatezza della gestione del dolore come previsto dalla legislazione vigente».


«La Legge n.38 del 2010 tutela il diritto del cittadino ad accedere alle cure palliative e alla terapia del dolore - dichiara Marco Spizzichino, direttore Ufficio XI° Ministero della Salute e membro della Commissione nazionale cure palliative e terapie del dolore - anche attraverso l'individuazione di figure professionali con specifiche competenze ed esperienza. In questo contesto il farmacista ha un ruolo strategico perché partecipa nella gestione sull'uso terapeutico dei farmaci, collabora a informare i pazienti e i familiari sulla terapia prescritta dal medico e partecipa alle campagne di informazione ed educazione sull'uso corretto dei farmaci».