LE FATTURE DELL'ODONTOIATRA

LA DOMANDA

Svolgo attività di odontoiatra e mi è stato chiesto di effettuare una collaborazione professionale con un collega titolare di uno studio. Le fatture rilasciate non direttamente ai pazienti, ma al collega titolare dello studio, sono o meno esenti da Iva?
(P.B.)

L'articolo 10, n. 18), del Dpr 633/1972 stabilisce il regime di esenzione Iva per le prestazioni sanitarie rese nello svolgimento di una professione sanitaria sottoposta a vigilanza, sempreché trattasi di prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione «rese alla persona». L'Agenzia delle Entrate ha più volte chiarito che la spettanza del regime esentativo dipende della natura delle prestazioni fornite (carattere oggettivo), prescindendo dalla forma giuridica rivestita dal soggetto che rende le prestazioni medesime (cfr., fra le altre, la ris. 28 maggio 2003, n. 119/E e la ris. 12 luglio 2006, n. 87/E). Ne consegue che la prestazione resa dal lettore, per la collaborazione odontoiatrica, sarà esente da Iva ai sensi del citato articolo 10, n. 18), del Dpr 633/1972, alla condizione che la stessa abbia le caratteristiche oggettive indicate dalla norma.
(Alberto Santi)

Svolgo attività di odontoiatra e mi è stato chiesto di effettuare una collaborazione professionale con un collega titolare di uno studio. Le fatture rilasciate non direttamente ai pazienti, ma al collega titolare dello studio, sono o meno esenti da Iva?
(P.B.)

L'articolo 10, n. 18), del Dpr 633/1972 stabilisce il regime di esenzione Iva per le prestazioni sanitarie rese nello svolgimento di una professione sanitaria sottoposta a vigilanza, sempreché trattasi di prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione «rese alla persona». L'Agenzia delle Entrate ha più volte chiarito che la spettanza del regime esentativo dipende della natura delle prestazioni fornite (carattere oggettivo), prescindendo dalla forma giuridica rivestita dal soggetto che rende le prestazioni medesime (cfr., fra le altre, la ris. 28 maggio 2003, n. 119/E e la ris. 12 luglio 2006, n. 87/E). Ne consegue che la prestazione resa dal lettore, per la collaborazione odontoiatrica, sarà esente da Iva ai sensi del citato articolo 10, n. 18), del Dpr 633/1972, alla condizione che la stessa abbia le caratteristiche oggettive indicate dalla norma.
(Alberto Santi)

Per una ricerca più ampia consulta tutti i quesiti del rinnovato servizio dell’Esperto risponde

L’Esperto risponde