Dal governo

Covid/ Garante privacy "avverte" Regione Sicilia per ordinanza su vaccini: violate le norme sulla privacy dei lavoratori

di Radiocor Plus

S
24 Esclusivo per Sanità24

Il Garante per la protezione dei dati personali ha avvertito la Regione Sicilia e tutti i soggetti coinvolti (aziende sanitarie provinciali, datori di lavoro, medici competenti) che i
trattamenti di dati personali effettuati in attuazione dell'ordinanza n. 75 del 7 luglio 2021 del Presidente della Regione Sicilia, in assenza di interventi correttivi, possono violare le disposizioni del Regolamento europeo e del Codice privacy. L'ordinanza prevede infatti trattamenti di dati personali relativi allo stato vaccinale dei dipendenti pubblici e degli enti regionali, determinando limitazioni dei diritti e delle libertà individuali che possono essere
introdotte solo da una norma nazionale di rango primario, previo parere dell'Autorità. Le disposizioni regionali prevedono che tutti i dipendenti a contatto diretto con l'utenza siano "formalmente invitati" a ricevere la vaccinazione e, in assenza di questa, assegnati ad altra
mansione. L'ordinanza prevede, inoltre, trattamenti generalizzati di dati relativi allo stato vaccinale dei dipendenti, anche da parte del medico competente, non conformi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA