Medicina e ricerca

Tumori del polmone particolarmente aggressivi: individuato un punto debole propedeutico a nuovi approcci terapeutici

di Mirko Marabese *

S
24 Esclusivo per Sanità24

La ricerca pubblicata sul Journal of Thoracic Oncology ed effettuata nell’Unità di Genetica molecolare del Laboratorio di Farmacologia molecolare del Mario Negri ha dimostrato che tumori con mutazioni nel gene LKB1, anche in presenza di mutazioni del gene KRAS, pur essendo forme tra le più aggressive di cancro del polmone, sono sensibili al trattamento con farmaci che inibiscono ERK, una proteina che rappresenta uno snodo importante che regola le attività di proliferazione e sopravvivenza delle cellule

Sanità24

Sanità24 fornisce l’informazione quotidiana più autorevole di taglio economico e normativo dedicata ai temi della sanità.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Registrati

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?