1. Dal Governo

    Covid/ Iss: «Rt a 1.08, l'epidemia rallenta ma 10 Regioni ancora a rischio alto, restino misure». Dal 29 novembre Calabria, Lombardia e Piemonte «arancio», Liguria e Sicilia «gialle»

    di B. Gob.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    I tecnici confermano l'invito a «mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone» e a «rimanere a casa il più possibile» per scongiurare un rapido nuovo aumento nel numero di nuovi casi. Ma è lo stesso ministero ad annunciare che quasi tutte le più gravi scalano di fascia. Il Report per la settimana 16-22 novembre

    Aggiungi ai Preferiti
  2. — Analisi

    di Denita Cepiku * e Angelo Rosa **

    Aziende e Regioni

    La riorganizzazione sanitaria attraverso la co-creazione di una community care responsabile

    di Denita Cepiku * e Angelo Rosa **

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    È necessario pianificare una riorganizzazione integrata del sistema, tra ospedale e cure primarie, dove in mezzo ci deve essere quello che in letteratura viene chiamata "transitional care" cioè la capacità di accompagnare i flussi di pazienti che vanno dalle cure territoriali all’ospedale e viceversa attraverso strumenti

    Aggiungi ai Preferiti
  3. Lavoro e Professione

    Covid/ Appello di medici e sanitari a Governo e Regioni: «Non allentate le misure»

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    L'Intersindacale della dirigenza medica: «Chiediamo al Parlamento, al Governo e alle Regioni di ascoltare le decine e decine di migliaia di colleghi che da mesi lavorano senza tregua nell’emergenza territoriale e negli ospedali, amareggiati per il dibattito su riaperture che, sotto le pur comprensibili esigenze dell’economia, celano sottovalutazioni del rischio di una ripresa della pandemia che potrebbe sommarsi nei prossimi mesi alla diffusione dell’influenza»

    Aggiungi ai Preferiti
  4. Pazienti gastrectomizzati, superare i gap tra i territori nella presa in carico e
    Medicina e Ricerca

    Pazienti gastrectomizzati, superare i gap tra i territori nella presa in carico e

    di Claudia Santangelo *

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    L'altra emergenza riguarda la nutrizione: per i pazienti più fragili è una vera e propria terapia, ancora più necessaria in chi è sottoposto a gastrectomia per colpa di un tumore allo stomaco, perché alla malnutrizione comune a tutti i pazienti oncologici, si sommano le alterazioni dei processi della digestione

    Aggiungi ai Preferiti
  5. Aziende e Regioni

    Coronavirus/ L'epidemia rallenta ma ospedali sotto pressione e oltre 4.800 decessi. Governo e Regioni abbiano il coraggio di scelte impopolari

    di Fondazione Gimbe

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Il monitoraggio nella settimana 18-24 novembre da un lato rileva chiari segnali di rallentamento dell'epidemia, dall'altro conferma numeri ancora molto elevati . Rispetto alla settimana precedente oltre 216mila nuovi casi e 4.842 decessi. Quasi 780mila casi attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali e terapie intensive superati in oltre 2/3 delle Regioni. Mentre lo European Centre for Disease Prevention and Control lancia l'allarme sui rischi di una revoca delle misure, la Fondazione richiama alla responsabilità istituzionale: riaperture imprudenti per le festività natalizie rischiano di invertire nuovamente la curva del contagio vanificando i sacrifici già fatti. I dati

    Aggiungi ai Preferiti
  6. Il Covid colpisce duramente i provider Ecm, segnale di ripresa dalla formazione a distanza
    Lavoro e Professione

    Il Covid colpisce duramente i provider Ecm, segnale di ripresa dalla formazione a distanza

    di Simone Colombati *

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    La survey di Formazione nella Sanità: per i medici la Fad è il futuro. Nel primo trimestre il calo della produzione stimato è del 47% e del 92% e nel secondo trimestre per gli eventi fisici (Res). Il bilancio totale delle perdite previsto per il 2020 sarà di circa il 67%, solo parzialmente mitigato dalla crescita degli eventi di Formazione a distanza (Fad)

    Aggiungi ai Preferiti
  7. Aziende e Regioni

    Denatalità/ Libro Bianco Fondazione Onda-Farmindustria: correre ai ripari contro l'«inverno demografico» a partire dal Family Act

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Nel 2019 in Italia le nascite risultano decisamente inferiori ai decessi: sono 435 mila i nuovi nati contro 647 mila deceduti, segnando un nuovo record negativo, –4,5% rispetto al 2018. «In poco più di 50 anni siamo passati dal baby boom degli anni ’60 al baby flop dei nostri giorni», commentano gli esperti. "Inverno demografico", lo definiscono altri; la popolazione continua a invecchiare e fa sempre meno figli. Questo vuol dire che si sta ridisegnando l’idea di famiglia: tre quinti dei bambini non avranno fratelli, cugini e zii; solo genitori, nonni e bisnonni. A causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 le nascite potrebbero calare ulteriormente di oltre 10 mila unità secondo uno scenario Istat

    Aggiungi ai Preferiti
  8. Medicina e Ricerca

    Tumore al pancreas, una cura efficace passa anche per la nutrizione

    di Alessandra Ferretti

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Il tumore del pancreas rimane una patologia molto aggressiva, che in Italia conta circa 14mila nuove diagnosi all'anno, pari al 4% delle diagnosi oncologiche complessive del paese. I risultati di un webinar condotto con la direzione scientifica di Massimo Dominici, direttore della Struttura complessa di Oncologia dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena

    Aggiungi ai Preferiti
  9. Imprese e Mercato

    Confindustria Dispositivi Medici: 2 italiani su 3 fiduciosi sul Ssn ma pessimisti sui fondi Ue

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Per il presidente, Massimiliano Boggetti, i cittadini sono confusi: resta la fiducia nel settore pubblico, ma vorrebbero una Sanità regionale. Questo dato va letto come un'esigenza di medicina del territorio, che stia più vicino alle persone e ai loro bisogni di salute

    Aggiungi ai Preferiti
  10. Imprese e Mercato

    Janssen Italia: l'86% degli italiani apprezza il modello universalistico del Ssn

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Dall'indagine affidata a Doxa Pharma emerge che il modello universalistico delle cure è un valore irrinunciabile per gli italiani che richiedono anche miglioramenti nell'integrazione ospedale-territorio, digitalizzazione e uniformità tra le varie regioni. Il presidente, Scaccabarozzi: "Abbiamo una storica opportunità per costruire la sanità del futuro"

    Aggiungi ai Preferiti
  11. Farmaci/ Häusermann (Egualia): «Nuova strategia Ue tutela pazienti e imprese»
    Imprese e Mercato

    Farmaci/ Häusermann (Egualia): «Nuova strategia Ue tutela pazienti e imprese»

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    La Commissione promette «politiche mirate che sostengano una maggiore concorrenza attraverso i generici ed i biosimilari», «l'eliminazione degli ostacoli che ritardano il loro tempestivo ingresso nel mercato», «un ulteriore chiarimento delle disposizioni per lo svolgimento di sperimentazioni su prodotti brevettati a sostegno delle domande di autorizzazione all'immissione in commercio di generici e biosimilari» e «un maggiore controllo sulla concorrenza»

    Aggiungi ai Preferiti
  12. In Parlamento

    Covid/ Boccia: chiusi oggi per evitare terza ondata a febbraio

    di Er.Di.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, intervenendo al question time alla Camera, ha assicurato "ristori in tempo reale" per le perdite causate dalla chiusura degli impianti da sci e che i risarcimenti riguarderanno "anche per i lavoratori stagionali". A breve i dati dei Nas sui posti letto in Sicilia. Il ministro D'Incà: in attivazione un tavolo tecnico con le Regioni

    Aggiungi ai Preferiti
  13. Dal Governo

    Giornata internazionale violenza contro le donne/ Zampa: «Troppe le donne in Pronto Soccorso poiché vittime di violenze. Il quadro è ancora preoccupante»

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    «L’emergenza pandemica provocata dal coronavirus – spiega la Sottosegretaria - ha di fatto acuito il fenomeno della violenza contro le donne: basti pensare al Numero Rosa 1522, che tra marzo e giugno 2020 ha registrato un numero di chiamate, sia telefoniche sia via chat, più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente».

    Aggiungi ai Preferiti