1. — Analisi

    di Vincenzo Antonelli (Università Cattolica del Sacro Cuore - Altems - Cerismas)

    Aziende e Regioni

    Regionalismo sanitario/ Verso una sanità a macchia di leopardo?

    di Vincenzo Antonelli (Università Cattolica del Sacro Cuore - Altems - Cerismas)

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Banco di prova del nuovo regionalismo differenziato è certamente la sanità. Traspare l’intenzione delle regioni di sottrarre i rispettivi servizi sanitari a molti vincoli statali e unitari, e non possiamo tacere la tentazione dello stato centrale di accettare le richieste regionali per nascondere le proprie assenze e inefficienze

    Aggiungi ai Preferiti
  2. Donazioni e trapianti: nel 2018 liste d'attesa in calo, boom delle dichiarazioni di volontà
    Dal Governo

    Donazioni e trapianti: nel 2018 liste d'attesa in calo, boom delle dichiarazioni di volontà

    di Rosanna Magnano

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Le liste d'attesa per un trapianto sono in calo per il terzo anno consecutivo e per avere un rene nuovo la coda è scesa del 2,1% nell'ultimo anno, con una diminuzione del 5,9% nell’ultimo triennio. Il risultato di un consolidamento complessivo dell'attività di donazione - che mette a segno il secondo miglior risultato di sempre - in combinato disposto con un efficientamento delle dichiarazioni di volontà, che sono quasi raddoppiate registrando un aumento record, grazie al possibilità di registrare la propria scelta al rinnovo della carta d’identità elettronica. Il Centro trapianti di Torino è in pole position per numero di interventi, la Toscana è da primato ma il Sud resta indietro. Sono i dati del Report 2018 del Centro nazionale trapianti

    Aggiungi ai Preferiti
  3. Aziende e Regioni

    Cronicità per 24 milioni di italiani. Nel 2028 spesa a 71 miliardi di euro. Il punto dell'Osservatorio salute della Cattolica

    di B. Gob.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Focus dell'Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni italiane della Cattolica di Roma: il punto e gli scenari al 2028 di cui tenere conto anche in vista di una corretta programmazione sanitaria. Il dossier

    Aggiungi ai Preferiti
  4. Lazio/ Alla Asl Roma 5 un nuovo modello per il contenimento della spesa farmaceutica
    Aziende e Regioni

    Lazio/ Alla Asl Roma 5 un nuovo modello per il contenimento della spesa farmaceutica

    di Giuseppe Quintavalle *; Luciano Cifaldi ** ; Marzia Mensurati *** ; Luca Degli Esposti °; Daniela Paoli °°

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    La sfida affrontata dalla Asl insieme ai medici del territorio è stata applicare un sistema di misurazione basato sull’analisi dei processi erogati, e non delle prestazioni consumate, al fine di individuare le modalità d’uso di risorse non appropriate ed individuare così aree di efficientamento o ri-allocazione delle stesse risorse investite. I dati di sintesi

    Aggiungi ai Preferiti
  5. Medici, nasce la Federazione Cimo-Fesmed: obiettivo unità al 2020
    Lavoro e Professione

    Medici, nasce la Federazione Cimo-Fesmed: obiettivo unità al 2020

    di Rosanna Magnano

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Dopo il primo passo del patto federativo, nasce oggi la nuova Federazione Cimo-Fesmed, unione delle forze organizzative e di rappresentanza di Cimo, il sindacato dei medici, e della Fesmed, Federazione Sindacale Medici Dirigenti, con l’obiettivo di arrivare al 2020 uniti in un sindacato unico a mettere in comune le deleghe. Con le priorità di valorizzare il medico come figura cardine del Ssn, rafforzare l’aggiornamento delle competenze degli iscritti e il miglioramento dei servizi a loro indirizzati. La piattaforma comune e le priorità

    Aggiungi ai Preferiti
  6. Farmaci, disco verde delle Regioni al Programma Aifa 2019: arriva la nuova governance
    Dal Governo

    Farmaci, disco verde delle Regioni al Programma Aifa 2019: arriva la nuova governance

    di Rosanna Magnano

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Parere favorevole della Conferenza Stato Regioni di oggi al nuovo testo delle linee di indirizzo relative all'attività dell'Aifa per il 2019, emendato secondo le indicazioni date in sede tecnica dalle Regioni lo scorso 7 febbraio, che hanno anche accolto le osservazioni della ministra della Salute Giulia Grillo, che in sostanza introducono nuovi elementi di governance farmaceutica, a normativa vigente, la cui gestione sarà in capo all'Aifa. Si parte così con una nuova era, una volta archiviata la pax sul payback pregresso. Spazio quindi a rimodulazione dei tetti di spesa, gare in equivalenza terapeutica, revisione del prontuario, nuovi criteri per l'innovatività

    Aggiungi ai Preferiti
  7. Patto salute, dalla proposta delle Regioni scompare la richiesta di 10 miliardi di euro
    Dal Governo

    Patto salute, dalla proposta delle Regioni scompare la richiesta di 10 miliardi di euro

    di B. Gob.

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Rispetto al testo di ingresso, anticipato da Sanità24, scompare nel testo all'esame dei Governatori il riferimento a uno specifico aumento delle risorse - almeno 10 miliardi di euro - per lasciare spazio alla ben più generica istanza di un «incremento significativo». Il documento

    Aggiungi ai Preferiti
  8. Ema: il Governo presenta ricorso alla Corte Ue contro la sede di Amsterdam
    Dal Governo

    Ema: il Governo presenta ricorso alla Corte Ue contro la sede di Amsterdam

    da Radiocor Plus

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Per il ministro degli Affari esteri, Enzo Moavero Milanesi, l'iniziativa " conferma la determinazione italiana a far debitamente verificare, a livello giurisdizionale, la legittimità delle procedure seguite per stabilire la nuova sede dell'Ema". Milano offriva e offre tutte le garanzie immediate per la continuità operativa dell'agenzia Ue

    Aggiungi ai Preferiti
  9. Grillo: in Calabria bandi pubblici e nomine trasparenti per otto aziende sanitarie
    Dal Governo

    Grillo: in Calabria bandi pubblici e nomine trasparenti per otto aziende sanitarie

    S
    24 Esclusivo per Sanità24

    Avviate le procedure per le nomine di 24 tra nuovi direttori generali, sanitari e amministrativi di otto aziende sanitarie. Il ministro della Salute assicura che i commissari nominati dal Governo "vigileranno affinché i nuovi dirigenti siano scelti per le loro competenze e non perché designati da qualcuno che poi potrà usarli come burattini".

    Aggiungi ai Preferiti